Home Home ” I FEEL YOU” è il braccialetto che potrebbe salvarci l’estate

” I FEEL YOU” è il braccialetto che potrebbe salvarci l’estate

239
0

 

“I FEEL YOU” SUONA SE NON SI RISPETTA LA DISTANZA

Il braccialetto che suona quando non si rispetta la distanza tra le persone, misura principale di prevenzione per evitare il contagio da covid 19, potrebbe essere l’oggetto simbolo dell’estate 2020. Esso è stato messo a punto dall’istituto italiano di tecnologia ed è stato a richiesto tra gli altri dalla Regione Liguria che sta pensando di renderlo obbligatorio. ” i FEEL YOU” comunica con gli altri dispositivi dello stesso tipo con un segnale radio attraverso le frequenze del Bluetooh e oltre alla distanza, misura anche la temperatura corporea. Esso può essere usato sia in luoghi chiusi che in luoghi aperti. Dunque anche in villaggi turistici o in stabilimenti balneari. Esso potrebbe inoltre consentire di ricostruire i contatti delle persone poi risultate positive. Il braccialetto è uno dei modi con cui si potrebbe garantire la prevenzione del virus nelle scuole, con segnalazione della temperatura corporea e allarme per la distanza. In altri termini se non sarà l’oggetto dell’estate, potrebbe diventare il protagonista del nuovo anno scolastico.

STRUMENTO UTILISSIMO NEI LUOGHI DOVE L’ACCESSO E’CONTROLLATO

Stabilimenti balneari, centri benessere, villaggi turistici

Questo braccialetto potenzialmente può rappresentare una salvezza per chi eserciti attività particolarmente a rischio virus come centri benessere o palestre, ma anche per chi ha stabilimenti balneari o attività di ristorazione. Queste attività potrebbero fornire ai loro clienti il braccialetto e garantire in questo modo maggiore sicurezza sia per i clienti stessi che per i loro dipendenti. ” I feel you” eviterebbe l’accesso a chi ha sintomi di influenza e aiuterebbe concretamente al rispetto delle distanze. Certo il braccialetto non risolverebbe il solito irrisolvible problema, quello  degli asintomatici, però anche nei confronti di questi ultimi qualche cosa farebbe, oltre al rispetto della distanza. Sarebbe molto semplice infatti per la struttura che adotta “I Feel you” riscostruire chi era presente nei locali quando vi era anche l’asintomatico poi risultato positivo.

Facebook Comments