Home Home Hoverboard:in arrivo la patente per i minorenni

Hoverboard:in arrivo la patente per i minorenni

39
0

 

Mobilità elettica: approvato il decreto che dà il via alla sperimentazione

La circolazione su strada necessita di una regolamentazione apposita

Il decreto n. 229 del 4 Giugno 2019 adottato dal Ministero dei trasporti in attuazione della Legge di Bilancio, va verso la regolamentazione della mobilità elettrica che si sta diffondendo sempre di più sulle nostre strade, attraverso la sperimentazione nell’ambito urbano che ogni comune richiede di effettuare. I mezzi di trasporto oggetto di regolamentazione sono i monopattini, i segway e gli hoverboard, si prevede che i minorenni potranno circolare su strada soltanto se muniti di patente categoria Am, mentre i maggiorenni potranno circolare liberamente. Sarà necessario che nelle aree pedonali vengano adottati i limitatori di velocità e il limite è di di 6 km/h. Non potranno circolare di sera i dispositivi non muniti di appositi dispositivi di illuminazione. La velocità massima non potrà supera i 20 km/h. La sperimentazione della circolazione in ambito urbano potrà essere richiesta dai singoli comuni con ordinanza, individuando le strade idonee alla circolazione e apponendo la segnaletica opportuna. Entro dodici mesi dalla pubblicazione del decreto la sperimentazione dovrà essere approvata, ed entro 24 mesi i comuni dovranno informare il ministero sui risultati.

Il decreto è un’opportunità per i comuni interessati

La circolazione con hoverboard e mezzi simili sulle strade o sui marciapiedi non è consentita

E’evidente che l’approvazione di questo decreto ha l’obiettivo di individuare delle strade nelle nostre città nelle quali sarà possibile utilizzare questi nuovi particolari mezzi di trasporto. Esso non è dunque un avvio della regolamentazione di un nuovo mezzo di trasporto generale, i mezzi di mobilità elettrica avranno delle aree dedicate che non potranno coprire tutte le zone delle città, ma certamente potranno completare i piani di mobilità delle aree urbane. Soprattutto le grandi città faranno a gara per aderire alla sperimentazione, mettendo a disposizione dei cittadini e dei visitatori mezzi di trasporto alternativi per determinate zone.

Avv. Italo Carbone

Facebook Comments