Home Home Corte Costituzionale: notifica telematica dopo le 21 è valida

Corte Costituzionale: notifica telematica dopo le 21 è valida

12
0

 

Notificazioni telematiche dopo le 21 per il notificante vale la data dell’emissione della ricevuta telematica

Art 147 cpc non applicabile al processo telematico

Interviene addirittura la Corte Costituzionale sul tema delle notificazioni telematiche dopo le 21. Dopo una serie di pronunce giurisprudenziali che richiamavano una previsione di legge esplicita che aveva sancito che le notifiche con il processo telematico effettuate dopo le 21 si consideravano perfezionate il giorno successivo, arriva la pronuncia dei giudici costituzionali che con semplicità dichiara ciò che era stato rilevato da molti giuristi. La Corte sottolinea che la stessa natura del processo telematico è slegata dai tempi degli uffici, di conseguenza anche alle notifiche deve essere applicato questo principio. Secondo i giudici della Corte la previsione di cui all’art. 147 cpc per la quale le notifiche non si possono effettuare dopo le 21 di sera e prima delle 7 del mattino non è applicabile al processo telematico per ciò che concerne i diritti del notificante.  Quest’ultimo visto che i termini sono calcolati a giorni, e visto che la natura del processo telematico consente la notifica indipendentemente dal funzionamento degli uffici, non può perdere il termine quando il sistema gli consente materialmente di notificare. Di conseguenza secondo la consulta la notifica avvenuta per dopo le 21 tramite il processo telematico deve considerarsi effettuata il giorno in cui è avvenuta la generazione della relativa ricevuta e non il giorno successivo. Tra l’altro l’art 147 cpc nell’interpretazione più seguita non impediva al destinatario di ricevere l’atto anche dopo gli orari stabiliti, purchè l’ufficiale giudiziario apponesse sulla notifica l’orario di consegna.

Dichiarata l’incostituzionalità dell’art. 16 septies del Dl n. 179/2012

La sentenza condizionerà tutti quei processi nei quali al notificante sono stati preclusi diritti per mancato rispetto del termine per aver notficato l’ultimo giorno ma dopo le 21

L’art 147 cpc viene infatti richiamato dall’art. 16 septies del Dl n. 179/2012, sul telematico, poi convertito con varie modifiche modifiche nella legge n. 114/2014. La Corte Costituzionale con la sentenza n. 75/2019 del 19 Marzo 2019 ha dichiarato incostituzionale tale norma e di conseguenza tutte le notifiche telematiche effettuate dopo le 21 in cui il notificante era all’ultimo giorno del termine per poter notificare devono considerarsi tempestive. Questa sentenza dunque avrà effetto su tutti quei processi nei quali al notificante era stata opposta l’innammissibiità dovuta al mancato rispetto del termine per aver notificato dopo le 21, inoltre potrebbe essere evocata anche per gli atti endoprocessuali nei quali atti notificati dopo le 21 sono stati ritenuti fuori termine perchè essi sono stati considerati notificati il giorno successivo.

Avv. Tamara Liguori

 

Facebook Comments