Home Home Come si determina il prezzo delle uova di pasqua?

Come si determina il prezzo delle uova di pasqua?

25
0

Gli ingredienti, il peso e la sorpresa gli elementi fondamentali che determinano il prezzo

Siamo ad 8 giorni dalla Santa Pasqua e i nostri negozi sono pieni di uova di cioccolato di tutte le varietà. I prezzi per un uovo ” industriale” vanno da 4 ai 20 euro, a seconda del tipo e della qualità del prodotto che compriamo. Me entrando nel dettaglio dei prezzi delle uova di cioccolato, sono in molti a chiedersi quali sono gli elementi che determinano il prezzo finale. Cerchiamo di dare una risposta a questo interrogativo anche per dare al consumatore alcune dritte su come scegliere l’uovo di pasqua più appropriato. A determinare il prezzo dell’uovo dii pasqua sono in primo luogo gli ingredienti, una maggiore presenza di cacao determinerà un aumento del prezzo dell’uovo di cioccolata. Più alta sarà la percentuale di cacao rispetto agli altri ingredienti ( grassi, zuccheri,aromi o sostanze aggiunte)  più alto sarà il prezzo, ciò perchè il prodotto sarà di qualità più alta. In secondo luogo il prezzo sarà determinato dal tipo di sopresa ivi presente, in genere vengono utilizzate soprese che richiamano al film o al personaggio del momento, soprattuto nei prodotti destinati ai bambini. In questi casi il prezzo dell’uovo aumenterà perchè l’azienda produttrice avrà corrisposto i diritti relativi al marchio utilizzato per la sorpresa. Le uova di cioccolato con sorprese anonime avranno sempre un prezzo inferiore. In terzo luogo il peso dell’uovo è direttamente proporzionale al prezzo, più l’uovo sarà pesante più costerà.

L’uovo di cioccolato al latte e l’uovo di cioccolato fondente

Evitare i grassi vegetali e scegliere i prodotti che hanno più percentuale di cacao se si vuol puntare alla qualità

Esistono varie tipologie di uova di cioccolato, tuttavia le due categorie generali a cui più o meno tutte le aziende fanno riferimento sono quelle relative al cioccolato al latte e quelle al cioccolato fondente. Le prime hanno come ingrediente principale la pasta di cacao, che dovrebbe essere al primo posto della lista degli ingredienti in termini quantitativi, insieme al burro di cacao, allo zucchero, al latte( solitamente in polvere) arricchito da altri ingredienti: Leticina, aromi e grassi vegetali. Tra gli aromi è consigliabile prediligere i prodotti nei quali è indicato l’estratto di vaniglia e non la vanillina che è l’equivalente artificiale della vaniglia. La leticina è un’emulsionante che serve a ridurre l’utilizzo di cacao, essa è in sapore ed è estratta dal tuorlo d’uovo. Anche i grassi vegetali vengono usati per ridurre la quantità di cacao e possono essere utilizzati fino al 5% degli ingredienti totali. Meno grassi vegetali ci saranno meglio sarà per la qualità del prodotto, essi infatti alterano il sapore del cioccolato. L’uovo di cioccolato al latte non può avere una percentuale di cacao inferiore al 18%, di latte e suoi derivati inferiore al 14% mentre i zuccheri aggiunti non possono superare il 55%.  Nel prodotto a base di cioccolato al latte ci possono essere le scritte “fine, finissimo, extra, superiore” in quei la percentuale di cacao sarà almeno del 30% e quella del latte e i suoi derivati del 18%.  Per quanto riguarda l’uovo di cioccolato fondente gli ingredienti dovrebbero soltanto pasta di cacao, burro di cacao e zucchero, a cui eventualmente aggiungere leticina ed estratto di vaniglia. Nel prodotto a base di cioccolato fondente il cacao dovrà essere almeno del 35% del totale e il burro di cacao il 18 %. Quando ci sono scritte del tipo superiore fine finissimo extra vuol dire che la percentuale di cacao e di burro di cacao aumenta, rispettivamente 43% e 26 % almeno.

Consigli per il consumatore

Evitare vanillina e grassi vegetali

Il consumatore deve dunque essere consapevole di cosa sta cercando. Se egli è interessato semplicemente alla qualità della cioccolata sarà inutile acquistare un uovo di pasqua con sorpresa di un marchio nota. Ciò perchè in questo caso il prezzo aumenterebbe senza che sia migliorata la qualità del prodotto dolciario acquistato. Il consumatore deve verificare la quantità di cacao presente nel prodotto e poi regolarsi di conseguenza a seconda della spesa che desidera affrontare. Ad ogni modo è consigliabile evitare dei prodotti che contengano i grassi vegetali perchè alterano la qualità del cioccolato. Infine prediligere ove presente l’estratto di vaniglia alla vanillina suo equivalente artificiale

Facebook Comments